Ambiente

Il punto più basso sulla terra, il Mar Morto

mar morto

Il Mar Morto è una delle meraviglie naturali del mondo. Situato nel Vicino Oriente tra Israele, la Giordania e la Cisgiordania (nel deserto della Giudea), è circa dieci volte più salato dell’oceano, uno specchio d’acqua inospitale e unico al mondo.

Si trova nella depressione più profonda della Terra, a circa 415 metri sotto il livello del mare. Ciò è dovuto all’elevata evaporazione delle sue acque che con il passare del tempo, ha portato ad una progressiva diminuzione del livello dell’acqua (ancora in atto) che è anche causa della sua alta salinità.

È suddiviso in due distinti bacini, quello superiore di profondità elevate (circa 700 metri), mentre quello inferiore non ha mai superato i 2 metri di profondità massima. Quest’ultimo è in pericolo di scomparsa nei prossimi anni e si stanno vagliando diverse ipotesi per la sua salvaguardia.

L’acqua è poco chiara, piena di limo e fango; la salinità e il paesaggio desertico fanno sì che nulla possa sopravvivere ad eccezione di batteri e alcune palme.

Per via delle alte temperature che caratterizzano la zona, è una meta turistica molto ambita solo nel tardo autunno, inverno e all’inizio della primavera. I turisti si affollano per le qualità curative dell’aria calda secca, acqua salata e fanghi ricchi di sostanze nutritive. Il sale si utilizza per trattare la psoriasi e l’eczema, viene raccolto e spedito in tutto il mondo per l’uso in prodotti di bellezza.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *