Nella regione del McMurdo Sound si estendono per oltre 200 chilometri di lunghezza le aree desertiche dell’Antartide. La tipica atmosfera del continente di ghiaccio sembra spezzarsi nel grigiore di queste valli, dove la neve è spesso assente e i venti la fanno da padrone.

Il contrasto che viene a crearsi è d’impatto: le valli si sono formate da antichi ghiacciai scomparsi nel tempo. La poca neve che cade ogni anno non copre il grigiore delle rocce e si scioglie rapidamente grazie all’azione di venti asciutti e dal calore assorbito dalle rocce. Di pioggia invece non ne cade affatto. È infatti considerata una delle regioni del globo più asciutte del pianeta e si stima che non è piovuto da almeno qualche milione di anni.

Le valli sono oggetto di studi e di spedizioni da moltissimi anni. Secondo numerosi scienziati si tratterebbe del clima più simile a quello di Marte, tanto da diventare sede di numerose ricerche nel campo della astrobiologia, ovvero lo studio della vita extraterrestre. Numerosi sono i laghi salati presenti sul territorio, che assieme alla ricca composizione delle rocce, permette l’esistenza di batteri endolitici. Questi ultimi sono batteri che vivono all’interno delle rocce grazie alle funzioni chemiosintetiche e sono al riparo dai venti (che possono raggiungere anche i 300 Km/h).

Recenti spedizioni hanno confermato l’assenza di vita microbica nel permafrost; è il primo luogo al mondo visitato dagli uomini dove questo è avvenuto. Numerosi sono i corpi mummificati di foche, probabilmente arrivate nelle valli centinaia o migliaia di anni fa e poi decedute. Il clima secco e arido ha rallentato i processi di deterioramento dei corpi. L’intera area è considerata protetta a livello internazionale dal 2004.

Per saperne di più clicca qui

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *