Storia e curiosità

Uno spettacolo nel cielo: i fuochi d’artificio

I fuochi d’artificio sono stati inventati dai cinesi, nel 700 circa.
“Funzionavano” grazie alla polvere nera o polvere pirica da loro inventata. È una miscela composta dal 5% di nitrato di potassio (salnitro), dal 15% di carbone in polvere e dal 10% di polvere di zolfo.

I colori sono ottenuti aggiungendo alla polvere nera una sostanza ossidante e un sale oppure usando sostanze di origine animale o vegetale: il rosso, per esempio, è ottenuto dallo stronzio, il verde dal bario, il viola da una miscela di cloruri di stronzio e di rame, il blu dal cloruro di rame e così via.

Per il bianco si usano sostanze quali l’antimonio oppure il magnesio che, bruciando, arrivano ad una temperatura di 3.000°C.

Attualmente il record per il maggior numero di razzi da fuochi d’artificio lanciati in 30 secondi è di 125.801, mentre Walt Disney è il più grande consumatore annuale di fuochi d’artificio.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *