Ambiente

Un piccolo roditore per valutare l’integrità di un ecosistema

640px Bushveld gerbil

Il Gerbilliscus leucogaster è un piccolo roditore appartenente al genere dei Gerbilliscus che vive in Africa centro-meridionale. È il candidato ideale per diventare un indicatore ecologico di estrema importanza negli habitat più umidi delle savane.

Il nuovo studio, pubblicato su Diversity, ha cercato di valutare l’impatto dell’aumento di utilizzo e coltivazione dei suoli nel nord della Namibia su diverse comunità di piccoli mammiferi, fra cui il Gerbilliscus leucogaster. Negli ultimi anni è aumentata considerevolmente la conversione di habitat naturali (quali la savana africana) in terreni di coltivazione, soprattutto di grani destinati alla vendita.

Gli effetti a lungo termine di queste conversioni non si conoscono ancora appieno: i territori subiscono infatti profonde trasformazioni, soprattutto per poter fronteggiare l’enorme richiesta di acqua. Alcune specie di piccoli mammiferi possono diventare molto utili per il monitoraggio degli habitat a seguito dell’intensificazione dell’agricoltura. Si tratta di un lavoro complesso poiché le risposte delle diverse popolazioni animali possono risultare incoerenti tra loro e i cambiamenti registrati possono dipendere da altri o più fattori, ad esempio l’introduzione di specie alloctone coltivate nei campi.

Dai risultati dello studio è emerso che solo il gerbillo leucogaster ha risposto in maniera simile nelle due aree prese in considerazione per la ricerca. Le comunità del mammifero sono risultate più povere a seguito dell’aumento di intensità di utilizzo dei suoli. È proprio il cambiamento del suolo, da habitat complesso a terreno monocolturale, a determinare la diminuzione delle popolazioni. Il roditore può essere utilizzato come indicatore dell’integrità dell’ecosistema poiché risponde a tutti i criteri necessari affinché una specie venga classificata come “indicatore utile”.

Il mantenimento della ricchezza di specie e di comunità all’interno di un habitat specifico è di estrema importanza affinché si possa proteggere la biodiversità e ridurre il rischio di crescita incontrollata delle popolazioni di specie alloctone infestanti.

Per approfondire: Starik, N.; Mbango, O.K.; Bengsch, S.; Göttert, T.; Zeller, U. Landscape Transformation Influences Responses of Terrestrial Small Mammals to Land Use Intensity in North-Central NamibiaDiversity 202012, 488.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *