Medicina e salute

Un nuovo test del sangue per l’Alzheimer

Una nuova tecnica diagnostica, sviluppata dal National Institute on Aging, potrebbe individuare l’Alzheimer prima che i sintomi diventino importanti e invalidanti.

Da diversi anni si conosce il ruolo di alcune proteine, chiamate Tau, che si trasformano e migrano tra i neuroni. Un nuovo test del sangue aiuta a ricercare i livelli di pTau181, la versione modificata della proteina, che è considerata tra le responsabili della malattia di Alzheimer.

Dai test effettuati si evidenziano livelli differenti di tale proteina modificata tra i partecipanti sani e quelli malati. Si tratta quindi di un test relativamente veloce e praticabile su larga scala, inoltre è meno invasivo rispetto agli scanner cerebrali e ovviamente meno costoso.

In Europa l’Alzheimer rappresenta il 54% di tutte le demenze e colpisce prevalentemente anziani, in maggioranza donne. Solo in Italia sono oltre un milione le persone affette da demenza e di questi 600.000 da Alzheimer.

Le ultime ricerche offrono nuova speranza, dato che già due colossi farmaceutici hanno deciso di abbandonare le ricerche poiché molto costose e con risultati ottenuti poco soddisfacenti.

Alcuni link utili qui e qui

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *