Storia e curiosità

Sardegna, lo sterminio degli anziani

old2

La Sardegna è una terra arcaica, dove le tradizioni millenarie in parte si sono mantenute vive nella cultura sarda e in parte si sono perdute trasformandosi in leggende e miti.

Una tradizione a dir poco spaventosa è quella raccontata da Eliano da Palestina: il geronticidio. L’uccisione degli anziani è stata perpetuata per secoli, tant’è che ancora oggi nell’isola esistono detti proverbiali che rimandano all’antico sacrificio.

Il rito consisteva nell’accompagnare l’anziano (che superasse i settanta anni) su di un picco o un dirupo. Spesso l’accompagnatore era proprio il figlio e non vi era opposizione alcuna, proprio perché il gesto era radicato nella cultura isolana.

L’anziano giunto sul posto prescelto veniva malmenato con bastoni e rocce per poi essere buttato giù nel dirupo. Il tutto non veniva effettuato con tragici pianti ma con virile presenza e scherno (i classici lo chiamano riso sardonico).

In Sardegna vi sono molti paesi che conservano testimonianze rupestri di quanto accadeva, in alcune località si è potuti risalire ai dirupi dove il rito veniva praticato in tempi remoti.

Il sacrificio era in onore a Kronos, dio del tempo, ed era piuttosto diffuso in varie realtà primitive del medio oriente. L’uccisione dell’anziano avrebbe dovuto garantire il trasferimento delle energie vitali ai discendenti più giovani.

PS: alcune fonti collegano il rito sardo ad uno simile praticato dagli eschimesi, dove però l’anziano veniva fatto morire di freddo.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *