Ambiente

Orto verticale: in città sempre più numerosi

La moda è esplosa negli Stati Uniti parecchi anni fa, per poi arrivare in Gran Bretagna e in tutta Europa. Si stima che almeno 30 milioni di americani coltivino un piccolo orto in casa o in giardino e lo stesso si può dire per il vecchio continente.

Diverse sono le soluzioni possibili per appagare la voglia di verde in città. Le realtà degli orti urbani sono oramai consolidate, ma non tutti possono accedere ad una piccola fetta di terra.

Forse per questo è nata l’idea dell’orto verticale. Essi rappresentano la soluzione più pratica all’esigenza di coltivare spezie e verdure con le proprie mani in modo naturale. Sono costituiti da vasi o fioriere disposti verticalmente su un muro, un balcone o una finestra. In questo modo viene risparmiato spazio prezioso (le soluzioni abitative sono sempre più piccole).

Nulla di innovativo rispetto all’antichità dei giardini pensili, ma in questo caso entra in gioco anche l’esigenza del riciclo e del fai da te. È possibile realizzare un orto verticale con dei pallet in legno e delle bottiglie di plastica o vetro. C’è chi invece ha scelto fioriere più grandi disposte a scaglioni o il riciclo di oggetti un tantino strambi come vecchi scarponi o bauli in metallo.

Per chi invece non avesse tempo di realizzare da sé un progetto, numerose sono le soluzioni in vendita, sia in legno che in plastica.

Qui una bella guida fai da te in vista della bella stagione.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *