Scienze naturali

L’astuzia della Cinciarella

astuzia della Cinciarella

Tra gli uccelli più comuni in Italia vi è la Cinciarella. Il suo piumaggio vivace lo rende facilmente identificabile: un blu cobalto e un giallo zolfo che risultano più intensi negli individui più giovani.

Presente in tutta Europa, se ne stima una popolazione di almeno 50 milioni di esemplari. La speranza di vita media in natura raramente supera i tre anni, mentre in cattività possono vivere oltre i dieci anni.

L’astuzia della Cinciarella è sorprendente.

Ciò che rende speciale la Cinciarella è la sua astuzia ed intelligenza. Se disturbata nel suo nido, specialmente in presenza di uova, inizia a saltellare e a riprodurre il sibilo di un serpente per spaventare l’invasore. Tiene particolarmente al suo nido ed essendo un uccello per lo più sedentario, ci torna anno dopo anno anche per più generazioni.

Un esempio lampante della sua intelligenza e capacità di adattamento è stato registrato in Inghilterra a partire dai primi anni del secolo scorso: le cinciarelle riuscirono ad approvvigionarsi di un nuovo alimento, il latte. Impararono ad aprire i tappi delle bottiglie in vetro per potersi gustare il latte o la panna rimasta intorno al collo della bottiglia.

Questo comportamento è stato poi trasmesso e quindi insegnato agli esemplari più giovani, divenendo cosi in poco tempo un’azione assolutamente normale ed istintiva.

Ti potrebbe interessare

2 Commenti

  1. Da prendere esempio sotto tutti i punti di vista. Che meraviglia e che fantastico smacco morale

  2. È bello poter volare liberi, pieni di colori, nei tempi che viviamo. Ma forse noi non siamo stati abbastanza intelligenti per creare le condizioni della nostra libertà. Persino gli uccellini, seguendo la loro NATURA riescono a vivere meglio e a fare fronte più efficacemente ai problemi che incontrano! O tempora o mores!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *