Probabilmente non saranno stati in molti a chiedersi cosa ci sia dietro la forma di un frutto. Alcuni scienziati però lo hanno fatto e, attraverso diverse osservazioni ed sperimenti di laboratorio, hanno provato a dare una risposta concreta al mistero della forma.

Le mele, come sappiamo, possono assumere diverse forme. Dalle più tondeggianti alle più allungate a seconda delle cultivar e del luogo di provenienza. Servendosi di metodi computazionali ed esperimenti, matematici e fisici sono andati a “smantellare” il processo alla base della crescita e formazione del frutto.

In particolare gli scienziati hanno osservato l’evolvere del frutto sia dal vivo che dal punto di vista dei modelli matematici, usando le teorie delle singolarità, che possono descrivere moltissimi fenomeni fisici, dai più quotidiani fino ad arrivare ai misteri dell’universo. Dagli esperimenti si è visto che il formarsi della tipica curvatura a fossetta è dovuto al differente tasso di crescita del gambo rispetto alla restante massa del frutto.

La morfogenesi, ovvero l’origine della forma, è una tra le grandi questioni della biologia. La forma di un’umile mela ci ha permesso di provare alcuni aspetti prettamente fisici della singolarità biologica. Ovviamente ora sono da capire i meccanismi molecolari e cellulari che si nascondono dietro una forma biologica”

Fonte: qui

Crediti: Photo by NIKHIL KESHARWANI

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *