La figura di Poppea non ha mai brillato nel corso dei secoli. Descritta come arrivista, crudele, gelosa ma affascinante al tempo stesso, nemmeno Monteverdi è riuscito con la sua opera lirica impregnata d’amore a cambiare l’opinione delle persone (e di molti storici).

Seconda moglie di Nerone, nonostante la madre di lui Agrippina avesse provato a dissuaderlo in ogni modo. Molto probabilmente la sua intromissione (che non venne ben vista da Poppea) fu la causa della morte: Nerone infatti uccise Agrippina poco dopo.

In poco tempo Poppea riuscì a fare terra bruciata intorno all’imperatore. Fece uccidere servi, amici e persino l’ex moglie Claudia Ottavia. Alcuni racconti storici indicano anche Seneca tra le sue vittime.

La sua morte rimane invece un mistero irrisolto. Le fonti storiche sono poco numerose e decisamente discordanti. Secondo Svetonio morì assassinata mentre era incinta del secondogenito (la prima figlia era morta dopo pochi mesi). L’assassino sarebbe stato lo stesso Nerone, che dopo un violento litigio le sferrò un calcio nell’addome.

Tacito, invece, racconta di una morte naturale. L’imperatrice era infatti malata e un problema durante la gravidanza non le diede scampo. Nerone la fece divinizzare e nello stesso anno affogò il primo figlio di Poppea avuto dal precedente matrimonio.

Una terza versione, vede morire Poppea durante l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., ripudiata dall’imperatore che si era invaghito di un’altra donna.

Incerta è anche la vita di Nerone dopo la morte della seconda moglie. Cassio Dione e Gaio Svetonio raccontano che l’imperatore ordinò di cercare una persona che assomigliasse a Poppea. Il volto più simile fu trovato in un giovane ragazzo liberto di nome Sporo, che venne castrato e trasformato in ragazza. I due si sposarono e Sporo ricevette il titolo di Sabina. Alla morte di Nerone anche lui si uccise.

Ti potrebbe interessare

1 Commento

  1. La vita dei potenti non arriva mai da noi attraverso racconti storici univoci e concordi. Chiaro invece è sempre il messaggio che può fare da insegnamento a chi vuole capire: il potere è capace di tutto per permettere a se stesso di mantenersi a scapito degli altri, senza nemmeno essere utile a se stesso! Che triste pazzia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *