Scienze naturali

Il platanista del Gange

Il Platanista del Gange (Platanista gangetica) è un cetaceo appartenente al sottordine degli Odontoceti. Si parla in realtà di due sottospecie differenti che fino a mezzo secolo fa venivano considerate una sola specie.

L’animale vive esclusivamente nelle acque dolci di due fiumi indiani e pakistani: il Gange e il Brahmaputra. Molti sono i nomi locali a lui attribuiti, il più conosciuto è sicuramente quello di “Susu”. Il platanista può arrivare a pesare anche 85 chilogrammi e raggiungere i due metri e mezzo di lunghezza. È caratterizzato da larghe pinne natatoie e muso allungato, fornito di numerose paia di denti che vanno a formare una sorta di gabbia per intrappolare i pesci di cui si nutre.

Dotato di ecolocalizzatore, riesce a perlustrare nei fondali fangosi nonostante i suoi occhi molto piccoli e sprovvisti di lente oculare del cristallino. Si tratta quindi di un animale quasi del tutto cieco che riesce solamente a distinguere intensità e direzione della luce.

Poco si conosce del suo comportamento sociale; in passato si riteneva potesse vivere in gruppi costituiti anche da una decina di esemplari, ma la supposizione non ha mai trovato effettivo riscontro in quanto i gruppi osservati non erano mai realmente stabili.

Si tratta, purtroppo, dell’ennesimo cetaceo a rischio estinzione. La specie è ancora cacciata per le credenze popolari più che per la carne. L’inquinamento delle acque e l’utilizzo di sistemi di irrigazione che abbassano i fondali hanno peggiorato la situazione. I governatori locali, che poco possono fare contro la pesca illegale, hanno iniziato un’opera di divulgazione di antichi testi religiosi dove l’animale viene citato, affinché si consolidi il supporto delle comunità locali nella salvaguardia a lungo termine.

L’ultimo censimento del 2017 parla di circa 5000 esemplari fra India, Pakistan e Bangladesh. Nel 2020 il ministero dell’ambiente indiano ha rafforzato il piano di conservazione “Project Dolphin” nell’ottica di aumentare la popolazione dei delfini di acqua dolce e dei mari.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *