Storia e curiosità

Goccia di Rupert: il gioco di un Re

rupert

La goccia di Rupert è uno di quegli oggetti davvero singolari che godono di fascino e mistero, anche quando si viene a sapere la spiegazione scientifica riguardo il suo funzionamento.

Una semplice goccia di vetro temperato, ma anche uno degli oggetti più resistenti e allo stesso tempo più fragili.

La goccia viene ottenuta facendo gocciolare del vetro fuso in acqua fredda. Lo shock termico crea così una tensione interna tale da far si che il bulbo della goccia possa resistere a sollecitazioni enormi, nemmeno ripetute martellate possono distruggerla. Allo stesso tempo però, la coda della goccia (la parte finale filamentosa) è cosi fragile da non resistere ad una semplice sollecitazione.

Basta un piccolo graffio e tutta l’energia della goccia viene immediatamente rilasciata, provocando l’esplosione del vetro in migliaia di pezzi.

Questo oggetto era conosciuto fin dal 1500 e prende il nome dal Principe Rupert di Baviera che lo presentò al Re. Divenne presto un gioco: i sudditi ignari del meccanismo tenevano per mano la parte bulbosa mentre il Re ne rompeva la parte filamentosa. Si divertiva quindi a vedere le facce stupite, e spesso spaventate, delle vittime.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *