Le marche, una regione con mille sfumature tutta da visitare capace di lasciare il viaggiatore sempre sorpreso e affascinato dalle tante meraviglie che trova. Il viaggio inizia dal mare Adriatico con le sue splendide coste, prosegue tra le dolci colline ricche di biodiversità passando per grandi e piccole città storiche, fino ad arrivare alle montagne con piccoli borghi incastonati tra la natura incontaminata.

Ci sono posti spesso sconosciuti dove poter passare un fine settimana in tranquillità tra la natura. Che sia una gita in famiglia nel completo relax o un’escursione ricca di sorprese, la scelta è vasta.

I posti più belli per una gita tra la natura delle Marche

Le sorgenti sulfuree de “Lu vurghe”

 sorgenti sulfuree de Lu vurghe

Nel territorio di Ascoli Piceno ci sono innumerevoli angoli paradisiaci di cui poche persone ne sono a conoscenza. “Lu vurghe” è uno di questi.

Il posto presenta delle rigogliose sorgenti di acqua sulfurea, pareti per l’arrampicata e sentieri per l’escursionismo il tutto immerso nella natura quasi incontaminata dall’uomo con ambienti panoramici a perdita d’occhio.

Il luogo è semplice da raggiungere: basta percorrere, dal parcheggio, un semplice sentiero per circa 10 minuti, è adatto a tutti e non presenta nessuna difficoltà.

Per saperne di più: Le sorgenti sulfuree de “Lu vurghe”

Le cascate di Forcella

cascate di Forcella

Situate nell’omonimo paese appartenente al comune di Roccafluvione (Ascoli Piceno), sono uno di quei posti da visitare almeno una volta.

Le limpide acque del torrente rio Tallacano formano durante il loro percorso numerose cascate tra cui la più suggestiva: con un salto di circa 20 metri e una portata d’acqua non trascurabile, le cascate di forcella.

Immerse nel bosco, con aree verdi, percorsi escursionistici e tavoli da picnic c’è tutto l’occorrente per passare una piacevole giornata nella natura.

Raggiung ere il posto è molto semplice: basta seguire un tranquillo sentiero segnato per circa 10 minuti, è adatto a tutti e non presenta nessuna difficoltà.

Per saperne di più: Cascate di Forcella

Le meravigliose cascate della Prata

cascate della Prata

Nel territorio di Umito, frazione di Acquasanta terme (Ascoli Piceno), in un bosco di castagni e faggi, il torrente Rio Prata si fa strada tra le rocce del sottobosco formando tante piccole cascate, le più “importanti” sono le cascate della Prata.

Percorrendo il suggestivo tragitto, costernato dal torrente Rio Volpara, si potranno trovare tavoli da picnic, larghi spiazzi con ampie pozze per rinfrescarsi nel gelido torrente, viste da dirupi mozzafiato sul torrente sottostante e la foresta; il tutto accompagnato da alberi e prati a perdita d’occhio, dal fragore dell’acqua che scorre e dai rilassanti suoni della natura.

Il sentiero, di facile percorrenza e adatto anche per i più piccoli, ha una durata di circa un’ora e un quarto.

Per saperne di più: Le meravigliose cascate della Prata

La gola del Furlo

gola del furlo
Crediti: Wikipedia

La Gola del Furlo (Pesaro-Urbino) è un meraviglioso canyon creato dalla forza erosiva del fiume Candigliano. Un passaggio stretto, affascinante e suggestivo, tra la rupe e l’acqua, dove la forza della natura regna sovrana.

Tante sono le attività con cui passare il tempo, come una passeggiare lungo l’antica strada Flaminia dov’è tutt’ora presente una galleria che fu fatta scavare dall’imperatore Vespasiano, organizzare un picnic nel Parco La Golena, partecipare ad un’escursione con il kayak tra le Marmitte dei Giganti, passeggiare tra i numerosi sentieri tra i boschi, rinfrescarsi nelle acque limpide del fiume oppure visitare l’Abbazia di San Vincenzo.

Un posto semplice da raggiungere dove trascorrere una giornata in famiglia.

Per saperne di più: Riserva Naturale Statale Gola del Furlo

Santuario della Madonna dell’Ambro

santuario madonna dell'ambro

Situato nel comune di Montefortino (Fermo), immerso nello scenario naturalistico dei Monti Sibillini, sorge il santuario della Madonna dell’Ambro, il luogo di culto più antico delle Marche.

Collocato in una verde valle attraversata dal torrente Ambro, è particolarmente adatto per una gita fuori porta per rigenerare corpo e spirito.

Nel luogo è possibile assistere a celebrazioni religiose, pranzare al sacco nei pressi del ruscello o in un ristorante tradizionale e fare escursioni tra i numerosi sentieri, come ad esempio quella ad anello che porta alle sorgenti del Torrente Ambro che sgorgano ai piedi del Monte Priora tra boschi e prati di alta quota sfruttati da sempre per il pascolo.

Molto semplice da raggiungere, il santuario della Madonna dell’Ambro è senz’altro un luogo da visitare non solo per la sacralità della zona (famosa è la misteriosa apparizione della Madonna), ma anche per la natura incontaminata capace di soddisfare grandi e piccoli, escursionisti esperti e amatoriali.

Per saperne di più: Santuario della Madonna dell’Ambro

Per altre informazioni turistiche visita il sito web turismo marche.
#destinazionemarche