Medicina e salute

Appendicite, gli antibiotici riducono le operazioni chirurgiche

christine sandu RGvxmouRioE unsplash

Gli antibiotici sono in grado di ridurre drasticamente le operazioni chirurgiche per appendicite.

È quanto emerge da uno dei più grandi studi realizzati sul tema negli Stati Uniti. Con oltre 250.000 operazioni l’anno, si tratta di un intervento chirurgico decisamente comune nel paese.

La ricerca è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine e riporta come circa il 70% dei pazienti trattati con antibiotici sia riuscito ad evitare l’operazione per appendicite.

Ciò consente ai medici di avere una maggiore possibilità di scelta terapeutica anche se è bene ricordare che non tutti i pazienti ricoverati per appendicite possono essere trattati con i soli antibiotici.

Dalla ricerca emerge inoltre che i pazienti trattati con farmaci antibiotici siano tre volte maggiori rispetto a quanti un precedente studio aveva calcolato. Chi riesce a guarire senza la necessità di essere operato perde in media meno giornate di lavoro o di scuola, anche se i controlli successivi in ospedale sono più numerosi.

Ciò che lo studio mette in luce è che non esiste un approccio unico valido per tutti. I pazienti dovrebbero valutare i benefici e i rischi dell’assumere antibiotici o ricorrere alla chirurgia, per poter fare una scelta consapevole rispetto alla loro salute.

Ha riferito il Dottor Johnson, tra i ricercatori che hanno collaborato all’analisi dei dati.

Saranno necessari altri studi per valutare la qualità di vita dei pazienti che sono stati curati con i soli farmaci e il numero di recidive e quindi di ricomparsa dei sintomi.

Fonte: qui

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *